0 0

Condivi la ricetta sui Social Network:

Oppure si può semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Dosi per:
Pasta frolla con tuorli
250 gr Burro
120 gr Tuorlo
220 gr Zucchero semolato
500 gr Farina 00 150-180W
2 gr Sale
5 gr Lievito chimico
1 limone Zeste di limone
Crema pasticcera
100 gr Tuorlo
75 gr Zucchero semolato
20 gr Amido di mais
500 gr Latte intero fresco
1/2 limone o arancio Zeste di limone
1/2 baccello Vaniglia
Per il ripieno
300 gr Ricotta di pecora
120 gr Zucchero semolato
100 gr Uova 2 uova medie
300 gr Grano cotto
80 gr Latte intero fresco
20 gr Burro
70 gr Arancia candita
4 gocce Essenza di Neroli
1 cucchiaino Cannella

Pastiera napoletana con crema pasticcera

Cucina:
  • 95
  • Dosi per 12
  • Media

Ingredienti

  • Pasta frolla con tuorli

  • Crema pasticcera

  • Per il ripieno

Presentazione

Condividi

La pastiera napoletana con crema pasticcera è una variante più soffice e golosa del dolce tradizionale pasquale conosciuto in tutto il mondo.

Nella pastiera napoletana con crema pasticcera vengono utilizzati gli stessi ingredienti  della ricetta classica, risultando però più delicata e meno rustica.

La pastiera è il dolce pasquale per eccellenza conosciuto in tutto il mondo;  non manca mai sulle tavole dei napoletani ed è apprezzata in tutte le stagioni.

La ricetta originale è composta da pasta frolla, grano cotto nella latte, ricotta, uova, canditi, scorze d’arancia, cannella e acqua di fiori d’arancio.

Il sapore e il profumo della pastiera napoletana cambia in ogni famiglia poiché diversi sono i metodi  gli aromi utilizzati.

Oggi ho sperimentato la pastiera con la crema pasticcera, la frolla senza strutto e qualche goccia di essenza di neroli.

L’olio essenziale di neroli è prodotto per distillazione dei fiori d’arancio, molto concentrato e se mal dosato il dolce saprà solo di acqua di colonia.

La ricotta ideale è quella di pecora, più compatta e saporita, sgocciolata bene prima dell’uso per espellere il siero in eccesso che renderebbe la frolla troppo umida.

Il grano è l’ingrediente fondamentale e una volta cotto se ne può frullare una parte per rendere il composto più cremoso e meno granuloso.

I canditi donano al dolce profumo e  per il loro quantitativo di zucchero, favoriscono la sua conservazione.

La frolla è il contenitore di un ripieno morbido, decorato in superficie da striscione di frolla che ricordano la crostata.

La pastiera va cotta in uno stampo di alluminio sottile e svasato creato appositamente per lei; la cottura è lunga e lenta e  va conservata, una volta cotta, per qualche ora in luogo asciutto e fresco, prima di essere mangiata.

L’attesa sarà molto difficile, ma sarete ripagati da una bontà senza pari.






(Visited 1.296 times, 1 visits today)

Preparazione

1
Completo

Per la pasta frolla: In planetaria, con la foglia, lavorare il burro morbido con lo zucchero; unire le zeste del limone e poco alla volta i tuorli, il sale ed infine la farina miscelata con il lievito.

2
Completo

Formare un panetto e far riposare avvolto nella pellicola, in frigorifero per tre ore.
Per la crema pasticcera: in una bowl mescolare i tuorli con metà dello zucchero, i semi della vaniglia e l'amido di mais fino a formare una pastella liscia. Portare a bollore il latte con l'altra metà dello zucchero, il baccello di vaniglia precedentemente inciso e svuotato dei semi e la buccia del limone grattata o dell'arancio. Versare un mestolo di latte caldo nei tuorli, per stemperare, quindi versare tutto nel tegame e cuocere qualche minuto, mescolando di continuo con una frusta per non far attaccare il composto sul fondo o sulle pareti.
Una volta cotta, versare in un contenitore e coprire con pellicola a contatto. Far freddare in frigorifero.

3
Completo

Per il ripieno: Cuocere il grano cotto con il latte ed il burro fino a che diventa una crema. (Circa 5 minuti a fuoco medio).
Far freddare il composto a temperatura ambiente.
Passare la ricotta al setaccio, aggiungere lo zucchero, poi i canditi e il grano cotto.

4
Completo

Inserire la cannella e l'essenza di Neroli.
Amalgamare con crema pasticcera e per ultime, aggiungere le uova. Foderare gli stampi da pastiera con la pasta frolla precedentemente stesa ad uno spessore di mezzo cm.

5
Completo

Bucherellare i fondi con una forchetta, versare il ripieno fino a 2 cm dal bordo. Decorare con striscioline di frolla ed infornare a 170°C per circa 50-60 minuti o fino a che la frolla diventa color nocciola. Far freddare completamente, quindi sformare e servire con una spolverata di zucchero a velo.
Con queste dosi sono venuti tre stampi da 18 cm.

Dolce Matilda

Dolce Matilda

L’attrazione per la cucina risale a quando ero molto piccola. In casa osservavo con molta attenzione ciò che mia madre preparava. Uno dei ricordi più belli era quando la domenica si andava a pranzo dai nonni.

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni, utilizza la form sottostante per scrivere la prima recensione.
muffins integrali
Precedente
Muffins integrali con banane e miele
Pizza al formaggio pasquale
Prossima
Pizza al formaggio pasquale
muffins integrali
Precendente
Muffins integrali con banane e miele
Pizza al formaggio pasquale
Prossima
Pizza al formaggio pasquale

Aggiungi un commento